lunedì 29 agosto 2016

GELATO DI CORNIOLE (con cioccolato bianco)


Raccolta e preparazione dei frutti
La parte più importante per ottenere la migliore confettura è la raccolta dei frutti del corniolo: si possono raccogliere da terra quelli belli e lucidi, di colore rosso scuro oppure sfiorare l'arbusto per provocare la caduta di altri frutti maturi. Selezionare quindi le drupe simili d'intensità di rosso scuro e maturità, lavarle velocemente sotto l'acqua corrente e raccoglierle in una casseruola con pochissima acqua sul fondo. Metterle al fuoco, mescolando continuamente, fino a quando la polpa comincerà a staccarsi dal seme al suo interno.
Far raffreddare il tutto passando poi al setaccio di misura adatta a non far passare i semi, aiutandosi anche con le mani in modo di ottenere la maggior quantità di polpa.

Preparazione del gelato

Per 300g di polpa di corniole già preparata vanno:
150 g di zucchero semolato
100 g di panna fresca
50 g di latte
Cioccolato bianco grattugiato per guarnire.
Inserire tutti gli ingredienti nel mixer e frullare fino a quando il composto comincia a montare.
Trasferire nel gelataio e far andare la macchina fino alla consistenza desiderata.
Servire nelle coppette col cioccolato bianco grattugiato al momento.


*I frutti del corniolo, ricchi di vitamina C, si cominciano a raccogliere agli inizi di settembre. Non maturano tutti contemporaneamente, quindi si procederà al raccolto man mano. Mai raccogliere quelli di colore rosso vivo o chiari, sono allappanti e non utilizzabili.La preparazione pur essendo lunga e laboriosa permette di ottenere un prodotto dal gusto unico e dalle proprietà salutari.*



CONFETTURA DI CORNIOLE


Raccolta e preparazione dei frutti
La parte più importante per ottenere la migliore confettura è la raccolta dei frutti del corniolo: si possono raccogliere da terra quelli belli e lucidi, di colore rosso scuro oppure sfiorare l'arbusto per provocare la caduta di altri frutti maturi. Selezionare quindi le drupe simili d'intensità di rosso scuro e maturità, lavarle velocemente sotto l'acqua corrente e raccoglierle in una casseruola con pochissima acqua sul fondo. Metterle al fuoco, mescolando continuamente, fino a quando la polpa comincerà a staccarsi dal seme al suo interno.
Far raffreddare il tutto passando poi al setaccio di misura adatta a non far passare i semi, aiutandosi anche con le mani in modo di ottenere la maggior quantità di polpa.

Preparazione della confettura
La particolarità del frutto ed il suo sapore acidulo, tendente ad un leggero gusto amarognolo di fondo, richiede per ogni kg di frutti già preparati una quantità di zucchero elevata 800 g -1000 g di zucchero.
Preparare la confettura pesando 2 kg di passato di corniole ed unire circa 2 kg di zucchero semolato a freddo. Usare la quantità di pectina necessaria per la dose mescolandola allo zucchero. Far bollire fino alla densità giusta ed invasare bollente in vasetti pulitissimi, chiudere bene e capovolgere per circa un quarto d'ora per permettere ad ogni vasetto la formazione del sottovuoto.


*I frutti del corniolo, ricchi di vitamina C, si cominciano a raccogliere agli inizi di settembre. Non maturano tutti contemporaneamente, quindi si procederà al raccolto man mano. Mai raccogliere quelli di colore rosso vivo o chiari, sono allappanti e non utilizzabili.La preparazione pur essendo lunga e laboriosa permette di ottenere un prodotto dal gusto unico e dalle proprietà salutari.

La scelta di aggiungere pectina e far bollire la confettura per soli tre minuti circa è personale.
Volendo si può ottenere la confettura in modo classico, solo con frutta e zucchero, ma la densità giusta talvolta è difficile da definire ed è invece facile ottenere un prodotto troppo liquido o, al contrario, esageratamente consistente.*


venerdì 26 agosto 2016

PASTA ALLA NORMA (rigatoni integrali)

Per 1\2 kg abbondante di pasta (rigatoni) integrale vanno:

1 kg di melanzane

farina poca
2 spicchi d'aglio schiacciato
ricotta (andrebbe quella salata) o altro formaggio saporito
alcune foglie fresche di basilico
sale
olio per friggere
alcune foglie fresche di basilico
4 cucchiai di olio extravergine d'oliva per il sugo
pepe quanto basta
3 mestoli di pomodori freschi, scottati, pelati e tritati dopo averli messi a pardere la maggior parte di acqua in uno scolapasta

Preparazione:

Tagliare le melanzane metà a fette e metà a cubetti e metterle in uno scolapasta a perdere l'acqua amarognola dopo averle salate. Passarle in un velo di farina e friggerle.


Scottare i pomodori in acqua bollente e pelarli, tagliarli a pezzi e metterli  a perdere l'acqua di vegetazione, poi passarli ottenendo circa tre mestoli di passata.


Mettere al fuoco una capace padella con 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva e rosolare gli spicchi d'aglio schiacciati. Aggiungere le melanzane tagliate a cubetti e fritte ed il pomodoro passato. Aggiustare di pepe e cuocere per circa 15 minuti.
Intanto cuocere al dente la pasta in abbondante acqua bollente salata leggermente e scolarla.
Rovesciare la pasta nella padella del sugo e mescolare bene. Alla fine aggiungere le melanzane a fette, le foglie di basilico spezzettate e la ricotta (o altro formaggio).

* Ottimo piatto unico da provare anche con le zucchine al posto delle melanzane, friggendole tagliate a fette sottilissime oltre a cubetti, sostituendo il formaggio scelto con abbondante gorgonzola piccante.
Se dovesse avanzare cospargere con abbondante formaggio e mettere a gratinare in forno*




martedì 23 agosto 2016

SPAGHETTI DI CAROTE (con pesto di menta e basilico)


Ingredienti
per gli spaghetti:
 due grosse carote tagliate con l'apposito attrezzo in modo da ottenere la giusta quantità di spaghetti
un pizzico di sale fino

per il pesto:
uno spicchio d'aglio

i gherigli di due noci
alcune foglioline di menta piperita
alcune foglie fresche di basilico
un cucchiaio circa di ricotta
un cucchiaino da tè di olio extravergine d'oliva
un cucchiaino da tè di parmigiano reggiano grattugiato
il liquido perso dalle carote condite con il sale

Preparazione

Tagliare le carote in modo da ottenere gli spaghetti, cospargere col sale e mettere a riposare girando ogni tanto.

Preparare il pesto tritando le noci con l'aglio. Unire le foglie di menta e quelle del basilico spezzettate ed infine la ricotta.
Poco prima di condire gli spaghetti unire al pesto l'acqua che avranno emesso le carote, l'olio ed il parmigiano.
Condire e servire subito.

*Fare attenzione al sale perché le erbe danno molto sapore al pesto...*

ZUPPA DI VERDURE (estiva)


Ingredienti:
foglie di coste d'argento (o bietole)
un rametto di maggiorana
un ciuffo di basilico
un peperone carnoso
carote a piacere
zucchine abbondanti
pomodori (o pomodorini)
una cipolla
un gambo di sedano
uno spicchio d'aglio
delle foglie di brassica (va bene qualsiasi tipo di foglia di cavolo)
alloro
sale e pepe
olio extravergine d'oliva
parmigiano reggiano grattugiato

Preparazione
Tagliare le foglie a listarelle e le altre verdure a dadini, comprese le coste d'argento (i pomodori ed il peperone metterli da parte).
Metterle man mano in una capace pentola. Coprire a filo di acqua e portare ad ebollizione facendo ridurre di volume.
Aggiungere poi i dadini di pomodoro, peperone, l'alloro ed aggiustare di sale e pepe.
Le verdure cotte si dovranno presentare tenere, quasi al dente.
Spezzettare finemente il basilico ed unirlo a fine cottura.
Servire la profumatissima zuppa eliminando le foglie d'alloro, condita con un cucchiaino da tè di parmigiano reggiano grattugiato ed uno di olio d'oliva extravergine per ogni piatto.


*Le verdure non sono scelte casualmente. Le qualità e le proprietà delle verdure di stagione della zuppa oltre a dare il senso di sazietà, nonostante l'apporto calorico limitato, hanno potere rinfrescante e blandamente lassativo. Nel caso di acidità di stomaco non unire peperoni e pomodori.
Non essendo energetica è preferibile gustarla come cena, sarà digeribile e favorirà il sonno tranquillo.*

martedì 16 agosto 2016

SORBETTO ESTIVO (con anguria, lamponi e poco limone)


Ingredienti:
600 g di anguria
150 g di lamponi

1/2 limone

Indispensabile l'estrattore di succhi a freddo.

Tagliare la polpa dell'anguria a cubetti e prelevare la polpa del limone aggiungendola all'anguria.
Unire i lamponi e porre nel congelatore per circa tre ore.
Quando la frutta sarà ben congelata passarla nell'estrattore ottenendo così il sorbetto.

* si può usare la frutta fresca che si preferisce, eventualmente addolcendo con sciroppo*